soundmagazine

Recensioni / Recensioni Album . “Time Machine” di Supercats and the Badger

“Time Machine” di Supercats and the Badger

Recensione di Maria Di Gaetano

Italo-americani, i Supercats and the Badger si sono dati da fare già nel 2012 con il loro primo lavoro autoprodotto e adesso sembra difficile fermarli. Con Time Machine provano, rischiando di riuscirci, ad entrare con prepotenza nel panorama underground italiano ed internazionale grazie a ritmi che mescolano rock, funk e blues, sonorità incisive e chiare, voce calda.

Il blues è il punto focale del gruppo, ce lo dice anche il nome; con tutta la forza e la bellezza degli anni ’70 e un album che farà sicuramente parlare di sé, ecco i Supercats proporci un lavoro intrigante che vede al suo interno 12 tracce dai colori simili ma con sfumature differenti tra loro; difficile non ascoltarlo più di una volta, trascinato da brani come il singolo Infinity, Melody, Morning Light e The Passion. Pezzi che rapiscono.

Un seducente ritorno e un’invidiabile accortezza nel riproporre in modo adrenalico quell’epoca d’oro della musica che sono stati i Seventies. Le belle canzoni, di cui a volte lamentiamo la mancanza, rivivono in chiave moderna grazie a questo trio, perché la musica fatta in un certo modo, e cioè con dedizione, passione e abnegazione a cui si abbina un discreto gusto melodico e d’arrangiamento, ci fa sentire meglio.
Proprio come ascoltare I Supercats and the Badger e il loro piacevole Time Machine.

https://www.facebook.com/supercatsandthebadger/

Condividi questo articolo

1 Commento

  1. marsilio marsilli - 27 febbraio, 2017

    great job,bravi tutti

Lascia un commento

Lascia questi due campi così come sono: