soundmagazine

Recensioni / Recensioni Album . “No time for regrets” di Left Behind

“No time for regrets” di Left Behind

Recensione a cura di Luca Malinverno

Passano gli anni, ma l’hardcore melodico rimane un genere assai apprezzato, soprattutto in Italia. A darcene prova sono i Left Behind, che dal 2009 portano in giro in lungo e in largo per lo Stivale una proposta che molto ha da spartire con primi Rise Against e Strung Out. Due band che sicuramente hanno molto da dire in tema di influenze, ma che fondamentalmente hanno permesso a questo gruppo di crescere cercando disco dopo disco un proprio stile. La proposta del quintetto è infatti assai differente da come viene comunemente definito l’hardcore melodico, quindi toglietevi dalla testa party a bordo piscina, spiagge californiane e via dicendo. “No time for regrets” è un disco che già dal titolo fa capire il suo DNA, fatto di energia, dedizione e una rabbia interiore sprigionata in queste nove canzoni. I rimpianti fanno parte di situazioni passate e sicuramente i Left Behind cercano nell’attualità il proprio corso, mostrandosi attenti e professionali sotto ogni aspetto, dal sound ricco di soluzioni strumentali degne di nota alla produzione, in linea con il livello medio-alto delle uscite odierne.
Un bel lavoro insomma, che trova il suo apice nell’interpretazione vocale decisamente “verace” e nei testi, alcuni davvero interessanti. Se siete alla ricerca di un prodotto alternativo fuori dagli schemi date una chance a questo “No time for regrets”, probabilmente farà al caso vostro!

Condividi questo articolo

1 Commento

Lascia un commento

Lascia questi due campi così come sono: