soundmagazine

Recensioni / Recensioni Album . “Left With Nothing” di Acts Of Tragedy

“Left With Nothing” di Acts Of Tragedy

Recensione a cura di Luca Malinverno

Prendete i primi The Dillinger Escape Plan, quelli più caotici, snervanti, fuori di testa e uniteli alla cura del particolare dei Poison The Well e alla tribalità dei primi Sepultura.
Vi sto forse confondendo le idee?! Probabile, ma prima di allora vi consiglio di dare una chance a quanto fatto dagli Acts Of Tragedy in “Left With Nothing”, album che racchiude in una decina di brani ciò che ho appena descritto sopra.
Una band che fa del math il suo punto di forza, attraverso continui stravolgimenti ritmici e due chitarre ispiratissime nel dare prova della propria abilità in fatto di velocità e tecnica cristallina. Il songwriting è ciò che colpisce maggiormente di questo lavoro, ricchissimo di sfumature e particolari che lascia spesso e volentieri a bocca aperta come quando, nel bel mezzo di una tracklist serratissima, ci si trova ad avere a che fare con parti strumentali tendenti al lato tribale della band brasiliana citata precedentemente. “Left With Nothing” è un disco per stomaci duri questo è chiaro, ma sa anche essere dannatamente al passo coi tempi e furbo nell’approcciare in maniera diretta col proprio ascoltatore di riferimento, abituato a masticare musica alternative odierna e ormai stufo del metalcore. Un buonissimo lavoro!

www.actsoftragedy.com/

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Lascia questi due campi così come sono: