soundmagazine

Recensioni / Recensioni Album . “Between The Lines” di Trifle

“Between The Lines” di Trifle

A volte basta pochissimo per attirare la mia attenzione, e non è facile di sti tempi per quanto riguarda la musica. Anche una semplice scrollata senza pretese della bacheca di Facebook.
E’ così che ho scoperto i Trifle, con il loro primo singolo “Delusional”. Un singolo che mi ha preso così tanto che sono subito partito alla ricerca di maggiori info sul gruppo, rimanendo piacevolmente sorpreso dal fatto che i componenti avessero militato in gruppi come Argetti, Mangrovia/Dufresne e Regarde (ancora attuali, per fortuna). La carta nostalgia è così servita, giustificata anche dal fatto che questo ep è uscito per Countdown Records, storica etichetta vicentina di metà anni 2000.
Ma in fondo siamo qui per parlare di musica, quindi concentriamoci sui quattro pezzi che compongono “Between The Lines”. Le coordinate del quartetto corrono sui binari del punk rock melodico, deciso ed energico nel primo pezzo “Fleabag”, per poi strizzare l’occhio all’emotività (quella vera eh, per carità) della successiva “Peak”. “Delusional” è il singolone che mi ha fatto innamorare giusto un po’ della band, con quella melodia del ritornello che ti entra dritta in testa senza più uscirne, mentre “Concrete” chiude i giochi con melodie convincenti.
A non rendere sdolcinati questi pezzi è proprio la produzione furente e rabbiosa, sporca al punto giusto, capace di aumentare il pathos emotivo senza dare quell’atmosfera da caramella zuccherata.
Il gruppo è diviso tra Vicenza e Barcellona, quindi non so cosa riserverà loro il futuro in termini di produzione, di sicuro non fatevi scappare da sotto il naso questa piccola gemma in quattro atti.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Lascia questi due campi così come sono: