soundmagazine

Recensioni / Recensioni Album . “After Laughter” di Paramore

“After Laughter” di Paramore

Avete presente lo sguardo che viene alle persone appena smettono di ridere a crepapelle? È affascinante vedere cosa li ha fatti tornare seri, con un brusco ritorno alla realtà.
Questo è “After Laughter” secondo i Paramore, band che ormai vanta 13 anni di attività e che quindi si può considerare giovane, ma decisamente uscita dal periodo adolescenziale al quale è stata relegata fino all’omonimo album del 2013.
Ora sono passati 4 anni, tra tour, silenzio sui social media, momenti in cui la stessa cantante Hayley Williams era convinta che non avrebbe più fatto dischi con la band, totalmente superati con una buona dose di buona volontà e intuizione.
Eccoli quindi, colorati e energetici, in piedi a sventolare con entusiasmo il nuovo lavoro, pensato e realizzato come trio, grazie al gradito ritorno di Zac Farro alla batteria.

After Laughter” è bello perché è una vera sorpresa. È come rivedere dopo anni i figli dei vicini di casa cresciuti e laureati: uno shock, ma piacevole. La vera sorpresa sta nel vedere come sono riusciti ad abbandonare il pop-punk – loro marchio di fabbrica – per virare verso un synth-pop dal gusto new wave anni Ottanta. No, non pensate ad un miscuglio incoerente che scimmiotta vecchie glorie. In realtà si tratta di una raccolta di canzoni davvero piene di vita e divertenti, che per assurdo nascondono dei testi per niente spensierati. I temi toccati da “After Laughter” infatti sono l’ansia, l’esaurimento e la depressione, in totale contrasto con il generale ritmo vibrante e allegro.
Un bellissimo modo per riscoprirsi, rinnovarsi e parlare di temi delicati, con una personalità davvero matura, tanto da avvicinarsi a più ascoltatori e fasce d’età.
Di certo, nonostante si parli spesso di piangere liberamente o fingersi felici, questo disco mette davvero di buonumore, come un antidoto a qualsiasi brutto pensiero. Quando una sensibilità intelligente e delicata incontra una produzione a ottimi livelli, la credibilità e la qualità ne possono solo che giovare.
Da ascoltare senza skippare.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Lascia questi due campi così come sono: