soundmagazine

News . Edda Magnason fa viaggiare con il suo nuovo “Goods”

Edda Magnason fa viaggiare con il suo nuovo “Goods”

La cantautrice svedese Edda Magnason presenta il nuovo album “Goods” – un eccentrico ma elegantissimo mix di pop, folk e jazz –  uscito il 16 Settembre per l’etichetta di Malmo Adrian Recordings.
Apri la custodia del cd e tira fuori il libretto rosa salmone con le immagini nere.
Siediti e immergiti in un’altra realtà.
Come nell’album precedente Edda ti accompagnerà con le sue fresche liriche e la sua voce avventurosa, ma in “Goods” non è solo il pianoforte di Edda a formare l’ossatura musicale: qui c’è un’intera orchestra, strane tastiere, sitars elettrificati e cori di marinai russi.
La musica ti conduce attraverso città e giungle, giù, al porto, dove i pescherecci stanno partendo per il Giappone, il modo particolare di suonare il pianoforte di Edda ti porta in  vicoli con discariche e nidi di gazze.
Dal successo da discoteca “Handsome”, dalle piste da ballo, verrai trasportato su un veliero in mezzo al rollìo delle onde, salendo fino alle stelle con “Ancient Star My Innocence Heart”.
I testi di Edda sono soprattutto immagini, a volte rappresentano episodi magici della vita quotidiana, altre volte raccontano intere storie.
Nei testi giocosi si possono intravvedere anche accenni alla politica, come in “Magpie’s Nest”.
A volte non ci sono parole e allora la musica racconta da sola l’intera storia, come in “Hug Jag Forestaller Mig Det Ar Att Segla (How I imagine sailing)”, nel brano “Camera” il testo è costituito da un unico verso “Have you seen the world in that one million camera?” che ci trasporta in un angolo diverso del pianete ogni volta che viene ripetuto.
Edda ha disegnato personalmente il booklet del disco lavorandoci durante le registrazioni dell’album.

www.eddamagnason.com

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Lascia questi due campi così come sono: